Trattato di Meser Giovanni della Casa, nel quale sotto la persona d'un uecchio idiota ammaestrante un suo giouanetto si ragiona de modi, che si debbono ò tenere, ò schifare nella comune conuersatione, cognominato Galatheo.