Massimo Bontempelli. “Lo zio non era futurista.” Ardita, [1919]. [807-1]