Dialogo di Vincentio Galilei nobile fiorentino della musica antica et della moderna.